L’ultima goccia… #ciaoMario

Vista la pervicace incompetenza dirigenziale il sito si autosospende ad libitum.
#vaffanculo #barboni
Ciao MARIO

Mercato Milan: non si bada a spese!

Milan: le gioie del mercato low-cost

Spendere per il calcio e’ stupido

Dopo Leonardo una rivoluzione al risparmio; per la panchina si prepara il duo Tassotti e Galli mentre la squadra sara’ un “Milan minimalista”.
Pato e Ronaldinho potrebbero congedarsi in anticipo, Dida sarà lasciato libero e Huntelaar messo sul mercato. Promosso il baby Albertazzi.
Eder e Valdes i primi obiettivi a parametro zero, potrebbe concretizzarsi l’acquisto di Criscito.
(Corriere dello Sport)

Pazza idea Fester: dopo quella di Padre Pio, la riesumazione di Maldini

Si e’ saputo solo da poco lo scherzo di cattivo gusto dell’A.D. Galliani; in prossimita’ del 1 d’Aprile aveva chiesto la riesumazione del corpo del capitano  S. Paolo Maldini per un ritorno al centro della difesa fino a fine Campionato. Non e’ nota la risposta usata per il diniego dal piu’ grande calciatore della storia rossonera, ma noi saremmo stati sicuramente meno eleganti.

IL PREMIER SILVIO BERLUSCONI DURANTE LA CAMPAGNA ACQUISTI

In foto: IL PREMIER SILVIO BERLUSCONI DURANTE LA CAMPAGNA ACQUISTI 2009

Milan, e’ lecito sognare: occhi sul contratto di Sofiane Feghouli (???)

Milan, si monitora la situazione contrattuale del franco-algerino Feghouli, 21enne centrocampista del glorioso Grenoble Foot 38 (???)

Un giocatore  del genere ha una valutazione di mercato che si aggira intorno ai 3 milioni di euro, ma – avendo il contratto in scadenza il 30 giugno 2010 – potrebbe essere un rinforzo a costo zero, pertanto verosimilmente adatto alla ParametroZero League sognata da Galliani.

Quando in semifinale Champions arrivano Bordeaux, Inter e CSKA..

..forse e’ ora di rivedere l’alea della competizione e controllare l’operato degli arbitri agli ottavi, la vera Champions non e’ quella dei Berezutski e degli Zanetti ma quella dei Ronaldo e dei Ronaldinho, che sia iniziata la decadenza della Champions League? Comunque sia, che tristezza vedere quelle orecchie spaesate ascoltare l’inno della Champions League, ricordano il bovaro arricchito e totalmente estraneo alla lirica che si accaparra a suon di verdoni il posto alla Scala a  discapito dell’habitue’ dall’orecchio fine… per fortuna la classe e la storia non si comprano :)